domenica 17 settembre 2017

L'Associazione scrive alle massime autorità italiane ed europee

Nei prossimi giorni saranno spedite le missive indirizzate alle massime autorità italiane ed europee, al fine di sensibilizzarle sulle attività criminali poste in essere da Michele Nista, nell'auspicio che possano intraprendere delle attività comuni tali da assicurare il Nista alla giustizia per i crimini commessi. Prosegue, inoltre, l'attività giudiziaria portata avanti dai nostri associati e che riguarda il coinvolgimento di un numero sempre maggiore di procure italiane.
Le missive sono  indirizzate a:
  • PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
  • PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
  • MINISTRO DEGLI INTERNI
  • MINISTRO DI GIUSTIZIA
  • PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI
  • PRESIDENTE DEL SENATO
  • CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA
  • AUTORITA’ GARANTE PER LE TELECOMUNICAZIONI
  • AUTORITA’ GARANTE PER LA PRIVACY
  • GARANTE EUROPEO PER LA PROTEZIONE DEI DATI
  • UFFICIO EUROPEO DI POLIZIA (EUROPOL)
  • AGENZIA DELL’UNIONE EUROPEA PER I DIRITTI FONDAMENTALI
  • AGENZIA DELL’UNIONE EUROPEA PER LA SICUREZZA DELLE RETI E DELL’INFORMAZIONE (ENISA)
  • UNITA' DI COOPERAZIONE GIUDIZIARIA DELL’UNIONE EUROPEA (EUROJUST)
  • COMMISSIONE EUROPEA
  • CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA


Ricordiamo a tutte le vittime dello stalker che chi avesse delle informazioni rilevanti e attendibili sulle attività del Nista o chi volesse aggregarsi all'azione legale o fornire il proprio sopporto è pregato di scrivere a fermiamomichelenista@gmail.com. Considerata la pericolosità del soggetto, affinché le email vengano prese in considerazione è necessario indicare nome, cognome della vittima e un recapito telefonico.

giovedì 7 settembre 2017

Le attività che l'associazione sta portando avanti

Prima di tutto vogliamo  ringraziare tutti coloro che ci hanno scritto per offrire sostegno all'Associazione. In pochi giorni ben 7 vittime dello stalker ci hanno contattato per avere informazioni sull'azione legale che stiamo portando avanti con gli altri associati. L'entusiasmo con il quale è stata accolta l'iniziativa ci rafforza ulteriormente e offre lo spirito ideale per essere ancora più determinati nel portare a termine la nostra attività, che si riterrà conclusa solo ed esclusivamente quando avremo assicurato il Nista alla giustizia e quindi quando cesserà definitivamente la sua azione criminale.
Alcune vittime hanno chiesto maggiori spiegazioni sulle iniziative che stiamo portando avanti che, chiaramente, non si esauriscono con la sola azione legale. 

Le attività che stiamo portando avanti
Considerata la pericolosità del Nista, ciò che ci prefiggiamo di ottenere, nel più breve tempo possibile, è l'emissione di un mandato di cattura internazionale in modo che tutte le vittime che sono state minacciate (anche di morte) possano tornare a svolgere una vita normale, dopo questa bruttissima esperienza.

Per questo motivo, oltre all'azione che si sta portando avanti con le varie procure e la polizia postale, stiamo sensibilizzando anche diverse autorità europee e italiane, tra cui il Ministro della Giustizia e stiamo scrivendo alle più alte cariche dello Stato per rappresentare la dimensione, la ferocia e l'intensità  dei crimini condotti dal Nista. Il coinvolgimento delle autorità europee si rende indispensabile (e naturale) alla luce del fatto che i crimini posti in essere dal Nista hanno dimensioni internazionali.

Oltre a questo  riteniamo che l'azione mediatica sia comunque necessaria e indispensabile: prima di tutto per sensibilizzare l'opinione pubblica sui rischi e sugli effetti dello stalking e poi per costituire anche un presidio a tutela di altri utenti che, navigando in internet, potrebbero trovarsi di fronte al Nista e quindi essere esposti al rischio di diventare  bersagli dell'azione criminale dello stalker.

Per questo motivo, nei prossimi giorni scriveremo a varie testate giornalistiche, televisioni, talk show televisivi per informarli e sensibilizzarli su quanto sta avvenendo e, nel caso, offrire la nostra disponibilità (o di una nostra delegazione) per  essere ospiti di qualche dibattito televisivo ove si parli di stalking e del "mostro Michele Nista". Insomma, vogliamo che il caso Nista assuma una dimensione nazionale. A questo riguardo riteniamo anche che, per raggiungere questo risultato, il momento sia particolarmente propizio: vi è una grande attenzione dei media verso il tema dello stalkig, anche grazie alla sensibilità più volte espressa dal Presidente della Camera Boldrini, anche lei vittima di fenomeni di stalkig in rete.

Oltre a questo stiamo incaricando uno psichiatra al fine di avere un'analisi sul Nista (attraverso la valutazione degli scritti), in modo che si possa disegnare un profilo psichiatrico e criminologico del soggetto. I risultati della perizia saranno pubblicati su questo blog.

In ultimo stiamo valutando di pubblicare alcune denunce (chiaramente censurate per questioni di sicurezza) che sono state effettuate nei confronti del criminale e un elenco che raccolga tutti i nomi delle vittime.

Queste, per il momento, sono le iniziative che stiamo portando avanti e alle quali si aggiungeranno tutte le altre attività che dovessero rendersi necessarie.

Chi volesse partecipare all'azione legale (obbligo morale e personale di ogni vittima dello stalker) è pregato di scrivere a fermiamomichelenista@gmail.com
Considerata la pericolosità del soggetto, affinché le email vengano prese in considerazione è necessario indicare nome, cognome della vittima e un recapito telefonico.





venerdì 1 settembre 2017

Chi è Michele Nista

Michele Nista è il criminale che da circa 8 anni commette l'attività delittuosa di cyber stalking internazionale, cercando di diffamare in internet centinaia (forse migliaia) di persone prevalentemente operanti nel campo della finanza, dell'economia, della politica e del giornalismo o liberi professionisti.  Milanese di origine, nullatenente, sopra i 50 anni di età,  da diversi anni vive all'estero, in quanto, secondo le testimonianze raccolte, è stato  costretto ad abbandonare l'Italia a causa delle numerose truffe perpetrate  quando era ivi residente. Secondo fonti investigative, attualmente,  vive di espedienti e si sposta tra la Gran Bretagna, il Portogallo, la Spagna e l'Olanda, con qualche tappa in Sud America: motivo per il quale le indagini,  almeno fino a qualche mese fa, sono andate a rilento.

Le vittime dello stalker
La sua intensa attività criminale, che riguarda centinaia se non migliaia di persone, è rivolta ad offendere principalmente soggetti che svolgono con successo professioni nel campo della finanza e che godono di visibilità e rispetto. L'odio del Nista verso questi soggetti, probabilmente, nasce dalla sua profonda  frustrazione derivante dagli insuccessi ottenuti in campo finanziario quando egli risiedeva in Italia: professione che, tra l'altro, svolgeva presumibilmente in maniera abusiva. Tuttavia, tra le vittime dello stalker vi sono anche ragazze e donne che hanno rifiutato le "attenzioni del Nista", insegnanti, medici, persone di culto e addirittura i figli (aggettivati con termini irripetibili e all'epoca minorenni) di un suo ex amico entrato ormai tra i peggiori nemici. La quasi totalità delle vittime non hanno mai conosciuto di persona il Nista e  hanno avuto  la sola sfortuna  che il loro nome finisse all'attenzione dello stalker, dando così inizio alle persecuzioni.

L'attività criminale del Nista

L'attività criminale esercitata dallo stalker, nel corso degli anni, si è sempre più intensificata fino ad indurlo a pubblicare migliaia  di posts diffamatori e deliranti al giorno, su migliaia di siti sparsi per il mondo, gruppi google, forum, Facebook, Twitter, Linkedin, Blogger e in altri spazi virtuali.
L'attività delittuosa è talmente intensa e violenta che il Nista, al fine di produrre il maggior danno possibile, posta i suoi deliri su siti "fantasma", non più utilizzati, in modo da rendere difficoltoso (se non impossibile) rintracciare gli amministratori del sito/blog per chiedere la rimozione del materiale postato dallo stalker. Il più delle volte, addirittura, scrive le sue farneticazioni su blog in lingua straniera (portoghese, spagnolo, russo, tedesco), anche in questo caso al fine di renderne difficoltosa la rimozione.

Per comprendere quanto sia intensa l'attività criminale posta in essere, si pensi che le sue vittime, tutte molto note, affermate e rispettate nel campo dell'economia, della finanza e delle libere professioni, solo nei gruppi Google hanno collezionato decine di migliaia di posts deliranti, ai quali si aggiungono le decine di migliaia di scritti pubblicati come commenti su altri siti. L'intensa attività criminale viene svolta utilizzando centinaia di nomi diversi, sottratti ad altrettante persone che, anch'esse, operano in prevalenza in ambito finanziario. Per cui, oltre agli altri reati, ricorre anche quello di furto di identità altrui.

Le farneticazioni del Nista
Il contenuto dei posts e delle diffamazioni sono un coacervo di odio, volgari insulti, farneticazioni, deliri e falsità. Un concentrato di volgari affermazioni, violenze,  immagini raccapriccianti quasi sempre a  sfondo pornografico o pedopornografico. Per il Nista le sue vittime sono tutte pedofili, assassini, massoni, nazisti, mandanti di omicidi e riciclatori di denaro sporco e denaro mafioso. In altri posts, prodotti sempre ricorrendo all'utilizzo di identità altrui, si assiste all'autocelebrazione di Michele Nista. Si definisce "RE MIDA, GENIO, EROE CIVILE". Scrive che (citiamo testualmente) "AZZECCA IN AZIONI E MATERIE PRIME, SEMPRE. SU TUTTO. OGNI GIORNO. IN OGNI ANGOLO DEL PIANETA TERRA. SIA A LIVELLO DI AZIONARIO, CHE DI MATERIE PRIME. GENIO IN INVESTIMENTI MOBILIARI, MA PURE UN EROE" perché sta liberando l'Italia da Berlusconi, dalla mafia e dalla Lega Nord. Il tutto, ovviamente, avviene utilizzando identità di persone terze, come ad offrire al lettore la percezione che gli scritti che celebrano il Nista "eroe"  giungano da persone che si sono realmente avvalse dei suoi servizi (quali?). Altre volte, invece, costruisce dei veri e propri dialoghi tra le sue diverse identità (cioè sempre appropriandosi di identità altrui), in modo che il lettore possa essere tentato di valutare attendibili le farneticazioni scritte.
Si tratta di un concentrato di follia e pazzia che disegna un profilo psichiatrico di un soggetto gravemente malato ma, al tempo stesso, estremamente  pericoloso. Pericolo che si avverte non solo dal contenuto dei suoi scritti pubblici ma anche dalle minacce di morte ricevute via email da diverse sue vittime.
Per tali reati, lo stalker ha collezionato oltre 50 querele e diverse procure italiane stanno indagando su di lui.

Chi avesse delle informazioni rilevanti e attendibili sulle attività del Nista o chi volesse aggregarsi all'azione legale o fornire il proprio sopporto è pregato di scrivere a fermiamomichelenista@gmail.com. Considerata la pericolosità del soggetto, affinché le email vengano prese in considerazione è necessario indicare nome, cognome della vittima e un recapito telefonico.




Invitiamo tutte le vittime e tutti coloro che ne abbiano interesse, a pubblicare, come risposta/commento a tutti gli scritti pubblicati dal Nista nei vari blogs, il seguente commento (E' sufficiente fare un semplice copia e incolla):

Vi segnaliamo che il vostro blog sta offrendo spazio e visibilità a un criminale di nome Michele Nista, i cui  commenti diffamatori sono presenti in questo post/blog. Michele Nista, attraverso il furto di identità di decine di soggetti,  conduce la propria attività criminale di cyber stalking internazionale di centinaia di persone, pubblicando decine di migliaia di commenti farneticanti su siti di tutto il mondo. Si tratta di soggetto pericoloso e  sul  quale stanno indagando diverse Procure italiane. Vi ricordiamo che la responsabilità per le diffamazioni presenti nei commenti del Vostro sito/blog sono anche a carico degli amministratori del sito. Pertanto il presente commento vale anche come diffida affinché provvediate a rimuovere  tali contenuti e a prendere le opportune precauzioni affinché ciò non si verifichi più. 
Per ogni ulteriore informazione riguardante il soggetto in questione è possibile consultare                                        https://fermiamolostalker.blogspot.it/